k100f logoCantiere sociale Camilo Cienfuegos

¡Hasta la victoria siempre!

¡Aqui no se rinde nadie!


Indice

Prima Pagina

Riceviamo e pubblichiamo

Al fianco del Venezuela Bolivariano

Difendiamo il governo venezuelano e le conquiste politiche e sociali del movimento chavista !

Da mesi assistiamo ad un attacco portato avanti dai nostri media, e più di recente anche direttamente dal governo e dal parlamento italiano, nei confronti del governo del Venezuela e del suo leader Politico Maduro accusati di reprimere nel sangue pacifiche manifestazioni dell'opposizione.

Descritti da media e politici occidentali, come "pacifici dimostranti", in Venezuela sono in azione gruppi paramilitari armati ed addestrati che con un escalation di violenza sono arrivati ad assaltare edifici governativi e ad uccidere (anche bruciandoli vivi) e torturare militanti filo-governativi per le strade delle maggiori metropoli del paese.

La verità è che in Venezuela è in atto l'ennesimo tentativo di golpe dell'estrema destra locale, sostenuto economicamente e politicamente dagli U.S.A. Lo scopo dei golpisti è quello di riportare al governo le vecchie oligarchie ed interrompere il processo rivoluzionario iniziato da Chavez.
Non è difficile immaginare il motivo.

Il Venezuela ha le più importanti riserve petrolifere mondiali oltre che un sottosuolo ricco di giacimenti minerari: si tenta quindi di privatizzare nuovamente i guadagni derivanti dall'estrazione e di rimetterle nelle mani della borghesia locale fedele a quelle statunitensi ed europee.
Non solo. Il Venezuela, da Chavez a Maduro, ha socializzato questi guadagni redistribuendoli in termini di investimenti nell'edilizia popolare, nella scuola, nella sanità e nei servizi sociali.

A livello internazionale ha scambiato le ricchezze del sottosuolo, non per soldi strozzando i suoi debitori, ma con aiuti di altro genere: per esempio con Cuba ha scambiato petrolio con l'arrivo sul suolo venezuelano di centinaia di medici.
L'imperialismo tenta quindi di mettere in piedi la stessa macchina destabilizzatrice utilizzata molte altre volte, costruendo un'immagine del Venezuela distorta, facendolo apparire come un regime oppressivo al fine di giustificare l'ingerenza esterna come umanitaria, per imporre un nuovo ordine politico ed economico, funzionale a propri interessi.

Siamo ormai abituati alla retorica della difesa della democrazia, dei diritti umani, contro le armi di distruzione di massa e i regimi dittatoriali. Dopo arriva sempre il terribile intervento armato degli Stati Uniti.
Per uscire da questa spirale di violenza il Presidente Maduro ha scelto la via politica annunciando la volontà di modificare la costituzione in modo da riportare al più presto la pace interna.

Domenica 30 luglio si terranno le elezioni dei 500 deputati per la nuova assemblea costituente quali rappresentanti dei settori più significativi della società Venezuelana: sindacati dei lavoratori, associazioni di imprese, pensionati, esercito e molto altro.

L'estrema destra golpista ha già dichiarato che boicotterà le elezioni arrivando a minacciare l'utilizzo delle armi contro chiunque si recherà a votare nei seggi situati all'interno dei quartieri di cui ha il controllo: per questo il governo ha previsto la possibilità per chi vive nei quartieri a rischio di andare a votare altrove.
Se degli USA abbiamo già detto l'Unione Europea non vuole essere da meno con le dichiarazioni di Federica Mogherini che "invita" Maduro a disdire le elezione e le minacce di sanzioni economiche.

Per questo sentiamo la necessità di portare solidarietà alla Repubblica Bolivariana del Venezuela e alla sua rivoluzione, che in questi anni ha saputo costruire un percorso di autodeterminazione nazionale contro l'imperialismo americano e di emancipazione popolare, ma anche per l'importanza che le sue conquiste sociali hanno e devono avere per tutta l'America Latina martoriata dalla barbarie del capitalismo!

SOLIDARIETA' ALLA RIVOLUZIONE BOLIVARIANA !
Contro l'imperialismo, per la rivoluzione bolivariana!
Centro Popolare Autogestito - Firenze Sud


Venerdì 21 Luglio 2017 Cena di Pesce benefit Col*Pol al Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos - Campi Bisenzio

Volantino Cena di Pesce benefit ColPol


Cena di Pesce benefit Col*Pol al Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos - Campi Bisenzio

Menù
crostini,
risotto alle cozze (alternativa vegetariana)
frittura mista (pesce e verdure),
cocomero,
vino bianco e acqua.

a seguire bar aperto e djset


La cena sarà benefit per le spese legali del Collettivo Politico Scienze Politiche, coinvolto nel processo contro il movimento fiorentino che vede indagate ben 86 persone per le lotte sociali e politiche in difesa dei propri diritti e, più in generale, per una società di eguali senza più guerra, razzismo e sfruttamento.
Per continuare a lottare nelle università e nei quartieri la solidarietà è una vera arma: usiamola per contrastare la repressione di questo Stato che ci vorrebbe zitti e fermi!


L'Antifascismo non si delega!

Come antifascisti vogliamo dirlo con molta chiarezza: non siamo interessati a leggi che puniscano un saluto romano o la vendita di paccottiglia nostalgica, come quella proposta dal sionista piddino Fiano.

Non sono certo questi i piani su cui agiscono oggi i fascisti, ma quelli che vengono loro spianati dalla politica razzista del PD nei confronti dei migranti, dalle campagne antidegrado dei sindaci piddini, Nardella in testa, o da provvedimenti come il decreto Minniti-Orlando.

Non ne possiamo più di sentir parlare di costituzione basata su valori antifascisti come se questa fosse una naturale conseguenza di un comune sentire sulla tragedia del fascismo: l'antifascismo è stata una imposizione da parte degli antifascisti in armi mentre nel dopoguerra a molti, troppi fu consentito di cambiare solo l'abito rimanendo profondamente legati a quel mondo.

E non si tratta certo di una storia finita! Il PD di Minniti approva leggi proprio sul terreno della sicurezza dello stato, delle città, sull'"eversione" o presunta tale, sulla base di un pensiero giuridico proprio del codice Rocco, sviluppando e adattando alle esigenze di oggi un impianto repressivo che ha trovato nell'esperienza del fascismo un nodo storico fondamentale a beneficio dello stato borghese. Un modello talmente attuale nella sua utilità che gli stessi soggetti che parlano di mettere al bando organizzazioni o propaganda su web in queste settimane poi accolgono i fascisti ucraini in Italia e li foraggiano di soldi, armi e supporto politico a giro per l'Europa.

Per tutti questi motivi non possiamo che considerare leggi di questo tipo come puramente propagandistiche e frutto di un immaginario falso che continua a pulire la coscienza di un'Italia che fascista era e fascista è rimasta.

La realtà è che nella discussione sulla proposta Fiano si pongono come difensori dei valori antifascisti gente come Renzi che, lo sappiamo bene, con l'Antifascismo non c'entra proprio un bel niente, che vuol dare una visione dell'Antifascismo tutta interna alla "dialettica democratica" ovvero all'interno degli equilibri interni allo stato borghese. L'Antifascismo diventa così una questione di bottega, un "titolo" buono per tutte le stagioni, da sparare sulle colonne dei giornali amici come Repubblica sulla base dei meschini calcoli della dirigenza PD che, mentre decide di giocare sul terreno "legge ed ordine" , cerca disperatamente di mettere il bastone tra le ruote a una destra che ha tutte le carte in regola per passare all'incasso in termini di consenso proprio a causa delle sue scelte.

Per quanto ci riguarda non accetteremo che l'Antifascismo sia spogliato del suo profondo significato di classe, né che il fascismo stesso sia svuotato di tutta la sua complessità e pericolosità, ridotto alla macchietta di un gestore di stabilimento balneare a Chioggia. Per noi i fascisti continuano a non avere diritto di parola e agibilità politica. Ma non per questo accetteremo, come non abbiamo mai accettato, che l'Antifascismo passi attraverso la legge, la magistratura, le sentenze per noi o contro di noi. Non delegheremo mai allo stato quello che è e resta soltanto nostro.

Firenze Antifascista


15 anni di lotte

Murales Guglielmo Tesi Lanciotto Ballerini


15 anni di lotte
15 anni di antifascismo
15 anni contro tutte le nocività
15 anni contro il capitale, a fianco dei lavoratori
15 anni per continuare a lottare

A Valerio, a Lorenzo ai compagni e alle compagne fuori e dentro le galere
Grazie a chi festeggia con noi, grazie a Oro
A Davide e Sebastian che ci hanno fatto questo murales

Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos


RADIOHEAD, non suonare l'Apartheid Israeliano!

Radiohead, che suonerà il 14 Giugno a Firenze, ha deciso di tenere un concerto il 19 luglio prossimo a Tel Aviv, Israele.

Roger Waters, migliaia di fan di Radiohead, il Premio Nobel per la pace Vescovo Desmond Tutu, Ken Loach e numerosi artisti hanno chiesto loro di cancellare questo concerto.

Radiohead, perché volete suonare in uno stato "che ha imposto un sistema di apartheid sul popolo Palestinese" (così il rapporto delle Nazioni Unite) ? Ascoltate e rispettate l'appello internazionale per un boicottaggio culturale di Israele!

Venite numerosi per esprimere il Vs. dissenso e la Vostra solidarietà con il popolo Palestinese con bandiere e volantini
Mercoledì 14 giugno ore 20.00!

All'ingresso dell'ippodromo, Viale del Visarno 14, ore 20.00!

Firenze per la Palestina


Venerdì 9 e Sabato 10 Giugno 2017 2gg Murales METAL CARTER ft Denay & Dj Kimo Respect for Zero

Volantino Titolo immagine


Una due giorni di musica hh e street art per festeggiare i 15 anni del cantiere sociale camilo cienfuegos.

9 Giugno dalle 18:00
NEW MURALES by #VolksWriterz
DJ set HH/Rap + Open Mic & Free Style
* LIMITRO FI - Vene, Zacca & Fifty da Campi Bisenzio
* NEMESIS da Campi Bisenzio
* Ivan from FISH BONES da Firenze
(+GUESTZ)
Ore 23:00:
Respect for Zero - Punk/HC #beyourself da Sant'Elpidio a Mare
Ingresso 5E

10 Giugno dalle 14:00
continuano i lavori del MURALES by #VolksWriterz
alle 20:00 inaugurazione del Murales e cena di PECORA
Ingresso e cena 12E
Prenotazione per la cena (3337267164)

Abbonamento 2 giorni e cena a 15E


Casapound onora i franchi tiratori fascisti nella città vetrina

Dobbiamo purtroppo denunciare un'altra grave provocazione fascista con la presentazione del libro "fascista da morire" di Mario Bernardi Guardi a cura di Casapound nel centrale e lussuoso Hotel Palazzo Ricasoli.
Dopo che ogni anno i fascisti "onorano" i loro camerati al cimitero di Trespiano, protetti da ingenti forze di polizia, ora tentano attraverso un libro "romanzo" di creare simpatie verso quei cecchini che sparavano dai tetti di Firenze sulla popolazione inerme durante la liberazione di Firenze. Assassini e criminali della repubblica di Salò alleata dei nazisti che lasciarono dietro a se una lunga scia di sangue colpendo indiscriminatamente a difesa della ritirata delle truppe tedesche. Veri e propri criminali di guerra che Casapound e l'autore del libro vorrebbero innalzare ad "eroi".
Nel denunciare questa squallida operazione "culturale" fascista esprimiamo tutto il nostro sdegno e invitiamo tutte le forze antifasciste ad innalzare la vigilanza e la mobilitazione per impedire ai fascisti il diritto di esprimersi e di alzare la testa.
Chiediamo alla direzione dell'Hotel Ricasoli quanto possono valere i quattro soldi che potranno ricevere per abbassarsi a concedere ospitalità ad un'organizzazione dichiaratamente neofascista come Casapound, responsabile nel tempo di numerose violenze. Si sa che nella "città vetrina" i soldi non hanno odore o colore, ma noi non dimentichiamo certo che questa città ha visto una strage per mano del fascista di Casapound Casseri.
E' un'occasione per ricordare ai giornalisti di certa stampa e ai rappresentanti delle istituzioni, così attenti ad ingiuriare gli antifascisti ma distratti quando si tratta di denunciare fatti come questo o come l'uso di sale della Regione per iniziative di lealtà e azione e lega, che nella città medaglia d'oro alla Resistenza non si possono tollerare iniziative come la presentazione del libro "morire da fascista" oppure la squallida celebrazione, ogni anno il 25 Aprile, di cecchini e repubblichini al cimitero di Trespiano.
Per quanto ci riguarda la Resistenza continua contro ogni rigurgito fascista e anche contro chi girando la testa si rende complice.

Firenze Antifascista


Ciao Lorenzo

Ciao Lorenzo. Una vita spesa con generosità e umiltà dalla parte giusta della barricata.
La Firenze che lotta ti ricorderà sempre.

I compagni e le compagne del Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos

Comunicato Ciao Lorenzo


Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos


Valerio ci ha lasciato stamani, all'improvviso, per un malore.

Volantino Valerio ci ha lasciato stamani, all'improvviso, per un malore.


È stato un nostro compagno di viaggio sin dai primi tempi del Cantiere.
In momenti come questo ogni parola ci sembra insufficiente, inadeguata, retorica, inutile.
Ci mancherai, ma manterremo vivo il tuo ricordo. Questo possiamo e vogliamo promettertelo.

Ciao Valerio.

I compagni e le compagne del Cantiere Sociale K100fuegos.


Venerdì 9 e Sabato 10 Giugno 2017 2gg Murales METAL CARTER ft Denay & Dj Kimo Respect for Zero

Volantino Titolo immagine


Una due giorni di musica hh e street art per festeggiare i 15 anni del cantiere sociale camilo cienfuegos.

9 Giugno dalle 18:00
NEW MURALES by #VolksWriterz
DJ set HH/Rap + Open Mic & Free Style
* LIMITRO FI - Vene, Zacca & Fifty da Campi Bisenzio
* NEMESIS da Campi Bisenzio
* Ivan from FISH BONES da Firenze
(+GUESTZ)
Ore 23:00:
Respect for Zero - Punk/HC #beyourself da Sant'Elpidio a Mare
Ingresso 5E

10 Giugno dalle 14:00
continuano i lavori del MURALES by #VolksWriterz
alle 20:00 inaugurazione del Murales e cena di PECORA
Ingresso e cena 12E
Prenotazione per la cena (3337267164)

Abbonamento 2 giorni e cena a 15E


Sabato 27 Maggio 2017 Presidio a sostegno dei prigionieri palestinesi

Volantino Firenze per la Palestina Volantino 27 Maggio 2017 Presidio a sostegno dei prigionieri palestinesi


Firenze per la Palestina
organizza un presidio di fronte alla sede RAI di Firenze a sostegno dello sciopero della fame dei prigionieri palestinesi, contro l'occupazione israeliana e per chiedere alla RAi e a tutti i mezzi di informazione la diffusione di notizie corrette imparziali su ciò che sta accadendo in Palestina

Firenze per la Palestina

k100f Cerca

k100fNewsletter

Se vuoi ricevere un'email settimanale sulle iniziative del Cantiere Sociale, iscriviti alla nostra newsletter. Clicca qui!

k100fPer suonare sul palco del c.s. k100Fuegos

scriveteci a: bands@k100fuegos.org l'indirizzo è di nuovo attivo, indicando: nome del gruppo, città di provenienza, genere suonato, rimborso, eventuale necessità di pernottamento, recapito telefonico.

k100f Comunicati

Immagine bandiera Cubana

Immagine bandiera Sovietica

Antifa

k100f

Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos logo