k100f logoCantiere sociale Camilo Cienfuegos

¡Hasta la victoria siempre!

¡Aqui no se rinde nadie!


Indice

Prima Pagina

Domenica 29 Maggio 2016 Iniziamo a presidiare i terreni!

Dopo la grande Manifestazione del 14 maggio, NON FINISCE QUI!
IL 29 Maggio iniziamo a presidiare i terreni!
Costruiamo Noi l'unica grande opera utile per gli abitanti:
IL Parco della Piana!

Volantino 29 Maggio 2016 Presidio ai terreni


Assemblea per la piana Contro le Nocività
pianacontronocivita.noblogs.org


Sabato 21 Maggio 2016 Serata rock and blues

Volantino 21 Maggio 2016 Serata rock and blues


Oggi e' il giorno della manifestazione ore 14,30 al Parco di San Donato

Ripartiamo da dove ci eravamo fermati l'anno scorso, riprendiamoci insieme il territorio, la salute e il lavoro!
SENZA LA GENTE NON SI DECIDE NIENTE!

Assemblea per la piana Contro le Nocività
pianacontronocivita.noblogs.org

Volantino manifestazione 14 maggio 2016

Volantino manifestazione 14 maggio 2016


Sabato 14 Maggio 2016 Manifestazione fermiamo gli inceneritori difendiamo il territorio e la salute

Volantino 14 Maggio 2016 Manifestazione fermiamo gli inceneritori difendiamo il territorio e la salute

Volantino 14 Maggio 2016 Manifestazione fermiamo gli inceneritori difendiamo il territorio e la salute


Assemblea per la piana Contro le Nocività
pianacontronocivita.noblogs.org


Riceviamo e pubblichiamo rilanciando la mobilitazione!

Basta diveti! Libertà di dissenso!

Venerdì 13 Maggio - al Polo Universitario di Novoli - sarà una giornata di mobilitazione antifascista e contro la guerra, a partire dal presidio per contestare la decisione di invitare all'università Alessandra Mussolini, per parlare di temi delicati come "immigrazione e terrorismo".

La Questura di Firenze ha di fatto vietato al presidio antifascista di poter manifestare il proprio dissenso nella piazza davanti all'edificio dove si svolgerà l'iniziativa. In nome della libertà di espressione, Rettore e Presidi si lasciano strumentalizzare, concedendo spazi alla retorica fascista e guerrafondaia, mentre permettono la militarizzazione dell'università, volta a limitare la libertà di dissenso degli/delle student*.
È l'ennesimo tentativo di limitare l'agibilità politica alle manifestazioni di protesta e opposizione a Firenze: ricordiamo il divieto di percorrere i viali in corteo o quello di entrare in Piazza della Signoria il 9 aprile scorso, in occasione del corteo partecipato da più di tremila persone in solidarietà agli 86 imputati nel processo contro il movimento fiorentino.
Rifiutiamo la logica dei divieti, atta soltanto ad innalzare la tensione ed a criminalizzare la protesta, riducendola ad un problema di ordine pubblico.
Rivendichiamo invece il diritto di contestare chi predica odio, fascismo e guerra all'interno dell'università ed a muoverci liberamente all'interno del nostro polo.
Invitiamo quindi tutte e tutti al presidio antifascista di Venerdì 13 Maggio alle ore 09.30 davanti alla Biblioteca delle Scienze Sociali - Polo di Novoli ed a partecipare alla giornata di lotta, solidarietà e socialità che proseguirà fino a sera.

Collettivo Politico Scienze Politiche


Venerdì 13 Presidio h9.30 alla biblioteca del polo universitario di Novoli

Volantino 13 Presisio h9.30 alla biblioteca del polo universitario di Novoli


Come accade ormai troppo spesso, gli spazi dell'università saranno concessi, come passerella politica, a personaggi che nulla c'entrano con il dibattito accademico. il 13 maggio al polo di novoli sarà, infatti, presente alessandra mussolini.
Riteniamo che un personaggio dichiaratamente fascista non abbia nessun tipo di legittimità in quello che dovrebbe essere un luogo di cultura e pensiero critico. Il fatto è ancora più grave dato il tema che si affronterà all'iniziativa organizzata dal centrodestra per l'università: barriere nazionali e trattato di Schengen, in relazione all'ondata biblica di profughi in fuga dalla guerra.
Vecchia storia: fascisti che diffondono odio e xenofobia per foraggiare la retorica dello scontro tra civiltà. Resta comunque necessario denunciare e contrastare iniziative di questo genere. Non permetteremo che l'università diventi luogo dove diffondere un'ideologia intollerante e guerrafondaia.
Dalla situazione attuale pochi hanno da guadagnare e molti da perdere. Lo stato di guerra in cui viviamo grava sulle nostre spalle ogni giorno. Costanti tagli alla spesa sociale a favore della spesa militare contribuiscono in maniera determinante all'impoverimento della classe lavoratrice, mentre i lavoratori migranti sono costretti ad accettare condizioni da fame in uno stato di perenne ricatto. Nel frattempo i grandi capitali ingrassano sul business della guerra e dell'accoglienza dei profughi.
Venerdì 13 Maggio troveremo di nuovo la nostra università militarizzata con l'assenso delle istituzioni universitarie. Rifiutiamo la logica che reprime la libertà di dissenso verso le politiche di guerra e la barbarie che ne deriva: nelle aule universitarie non c'è posto per chi costruisce le proprie fortune elettorali sulla pelle degli sfruttati.

VOSTRE LE GUERRE NOSTRI I MORTI!

Collettivo Politico Scienze Politiche


Solidarietà agli imputati del processo per il 15 Ottobre 2011

Il prossimo giovedì 12 maggio a Roma potrebbe svolgersi l'ultima udienza del processo di 1° grado che riguarda 17 compagne e compagni imputati per i fatti del 15 ottobre 2011. L'accusa ha richiesto complessivamente 115 anni di carcere, on un massimo di 11 anni per un manifestante. Fra le imputazioni quella di devastazione e saccheggio, inasprito negli anni '90 rispetto a quanto il sistema democratico aveva ereditato dal Codice Rocco del ventennio fascista, sempre più spesso utilizzata come strumento di contrasto della conflittualità di piazza.
Il 15 ottobre decine di migliaia di persone scesero in piazza a Roma per dare una decisa risposta alle politiche di austerità messe in campo dai governi italiano ed europei, lla ferocia del dominio di classe che queste politiche determinavano.
Le "forze dell'ordine", schierate massicciamente a difesa dei "palazzi del potere", sono intervenute violentemente a fronte delle esplosioni di rabbia che si sono prodotte in vari spezzoni del corteo, fino ai caroselli selvaggi in piazza San Giovanni senza che alcun varco fosse lasciato per far defluire i manifestanti.
La macchina della repressione si è subito messa in moto con estrema durezza: oltre alle cariche e ai fermi con una pesante campagna mediatica di criminalizzazione. Puntualmente sono partiti i tentativi di dividere il movimento in buoni e cattivi, fino a comportamenti di aperta delazione messi in pratica anche da soggetti che pure erano in piazza quel 15 ottobre.
Anche con questo dobbiamo fare i conti: con quanto una parte "dei movimenti", avendo cancellato la repressione dalla propria agenda e dal proprio dibattito per decenni quasi fosse un tabú, sia impreparato ad affrontare non solo la strategia repressiva nel suo complesso ma anche la singola operazione repressiva.
Questi meccanismi li conosciamo bene, li abbiamo ritrovati dopo Genova, dopo il corteo del 1 maggio 2015 a Milano e dopo la manifestazione antifascista di Cremona o in molti episodi anche minori che viviamo nelle nostre città.
Meccanismi ripetutamente utilizzati anche contro il movimento NoTAV che peró ha saputo rispondere agli attacchi della controparte facendo vivere la solidarietà nella lotta contro il TAV e sviluppando iniziative contro la repressione fuori e dentro i tribunali e davanti alle carceri. Anche a questo dobbiamo la sua forza e la sua longevità.
In una realtà dominata dalla violenza del capitale e dello sfruttamento, dall'ingiustizia e dalla diseguaglianza, in cui i meccanismi repressivi e legalitari sono strumenti per il mantenimento del dominio di classe, non possiamo che affermare con forza la nostra solidarietà nei confronti dei 17 imputati nel processo di Roma, di chi lotta e di chi subisce quella repressione, a Cremona, a Milano, in Val di Susa, osì come verso gli 86 imputati del processo ai movimenti fiorentini che arriverà a sentenza prossimamente.

LA LOTTA È L'UNICA VIA, SOLIDARIETÀ!

Collettivo contro la repressione Firenze
CPA Firenze sud
Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos Campi B.
Collettivo Politico Scienze Politiche Firenze


Per chi è a Roma Giovedì 12 maggio 2016:
h 9 - Presidio davanti il Tribunale a Piazzale Clodio
h 18 - Assemblea sul reato di devastazione e saccheggio presso L38 Squat, n via Domenico Giuliotti 8x, con contributi sui processi relativi ai cortei del 1 maggio 2015 a Milano e del 24 gennaio 2015 a Cremona.


Solidarieta' e sostegno alla nostra compagna Gina!

La compagna Gina de Angeli, infermiera presso l'ospedale di Carrara, e' stata ingiustamente condannata al pagamento di 2500 euro di multa o in alternativa a 10 giorni di arresto esclusivamente per aver appoggiato la lotta dei lavoratori della ditta multinazionale di pulizie dussman, rea di aver intrapreso una scellerata politica di riduzione di personale.
Nel corso dei due anni di vertenza, dal 2013 al 2015, il collettivo s.o.s., di cui la nostra compagna fa parte, ha manifestato una profonda solidarieta' alle lavoratrici attraverso numerose iniziative di lotta consistenti in presidi e volantinaggi.
Proprio nel corso di un presidio organizzato dai sindacati di base nel giugno del 2013 davanti all'ospedale di carrara alla compagna veniva contestato di aver indotto le lavoratrici a recarsi in corteo in comune per essere ricevute dal sindaco.
Esprimiamo la piu' convinta solidarieta' e il piu forte sostegno a Gina convinti che la motivazione di questa condanna sia di carattere politico; espressione lampante e ormai sempre piu' frequente di una controffensiva dei padroni nei confronti di tutti quei lavoratori, e non, che si oppongono all'odierno sistema di lavoro/sfruttamento.
La solidarieta', l'unita' e il concreto sostegno sono indispensabili per aiutare ogni lavoratore che lotta contro qualsiasi forma di repressione.
Le compagne e i compagni del cantiere sociale camilo cienfuegos si rendono per questo disponibili a mettere in pratica iniziative di solidarieta' concreta a favore della compagna Gina.

Cantiere Sociale Camilo Cienfuegos


Sabato 7 Maggio 2016 Spinart Tribute Unity session #3 feat. Inspirational Sound and Richie Ranks

Volantino 7 Maggio 2016 Spinart Tribute Unity session #3 feat


Il 25 aprile della Firenze Antifascista

Oggi la Firenze Antifascista è tornata in San Frediano distribuendo il volantino che vi proponiamo di seguito.
Al mercato, nei negozi e per le strade del rione abbiamo riscontrato un sostegno popolare ben lontano dal linciaggio mediatico cui stiamo stati sottoposti.
Noi c'abbiamo messo la faccia... e si rassegnino i soliti noti della sinistra democratica fiorentina al soldo del Pd: c'è una Firenze che ancora non si vende, non cade nei loro trappoloni e non è disposta a stendere il tappeto rosso al politico di turno!

La Firenze Antifascista da anni organizza il 25 aprile in San Frediano e in questi anni ci siamo costruiti una legittimità e una credibilità a livello cittadino ma anche e soprattutto nel rione.
Anche quest'anno, con una piazza partecipata ed attraversata da migliaia di persone, lo abbiamo fatto con il rispetto che abbiamo sempre avuto. Non staremo quindi qui a prendere le difese di nessuno per scritte o altro perché è giusto che ognuno si assuma le proprie responsabilità verso il quartiere, l'unico piano che reputiamo interessante.
Non saremo noi a cadere nel "noi buoni e qualcun altro cattivo". Maggiore rispetto deve essere portato verso un rione che certo non possiamo definire il simbolo della città vetrina: sicuramente questo è mancato. Ma di certo non possiamo posizionarci a fianco di pennivendoli e dei loro compari fautori del linciaggio mediatico della piazza del 25 aprile.
Comprendiamo il disappunto, ma attenzione a non cascare in questo trappolone.
Questo 25 Aprile, come da molti anni, è stato partecipato in S. Spirito da migliaia di giovani, lavoratori, antifascisti che vi hanno partecipato coniugando la festa con l'impegno militante di continuità con i valori e l'esempio che ci hanno lasciato Partigiani e Gappisti, come hanno testimoniato i numerosi interventi dal palco che hanno evidenziato il legame della Resistenza con l'impegno nella lotta odierna contro la crisi che provoca guerre e repressione, contro i fascisti che aprono i loro covi nella nostra città, per un rinnovato impegno di lotta e mobilitazione per la solidarietà e di internazionalismo.
Il corteo combattivo si è mosso dopo il ricordo a Potente da parte del partigiano Sugo della stessa brigata e di un giovane compagno di Firenze Antifascista sottolineando la continuità della lotta che, attraverso le generazioni, continua la battaglia nella prospettiva della costruzione di una nuova società.
Al corteo per le strade di San Frediano, un quartiere dalle tradizioni antifasciste, rimasto ancora oggi con una base popolare, dopo la deposizione di una corona al cippo dei caduti partigiani di piazza Tasso, hanno partecipato migliaia di antifascisti, lanciando slogan contro i fascisti e la polizia che li protegge, contro il governo e cantato canzoni di lotta e partigiane.
Per questa tensione la manifestazione del 25 aprile in Santo Spirito è da sempre censurata e, come in questo caso, osteggiata e attaccata: neanche un trafiletto sulle migliaia di giovani e meno giovani che continuano a fare antifascismo.
Tutto gettato nel tritacarne mediatico in una confusione di nomi, orari, piazze, sigle in cui l'unica cosa che spicca chiaramente è ciò che fa più comodo ai soliti noti della sinistra democratica fiorentina al soldo del PD: l'unico spazio di partecipazione e protagonismo popolare dove da oltre dieci anni manifesta la parte migliore di questa città, descritto e raccontato come l'epicentro di degrado e imbrattamenti, con il mediocre sindaco Nardella che dei rioni come San Frediano "se ne frega" tutto l'anno e oggi finge di ripulire le scritte alla ricerca dello scatto da prima pagina. Anche questo non è rispetto!
A noi però risulta difficile prendere lezioni da chi dà solidarietà a Casapound, vi si fa fotografare assieme, equipara partigiani e repubblichini, patrocina le iniziative di Lealtà e Azione come la Regione Toscana e lascia commemorare, proprio per il 25 aprile, i "caduti della Rsi" ad un gruppetto di fascistelli protetti da decine di poliziotti e carabinieri.
Ebbene si... ci risulta impossibile ricevere lezioni di "civiltà" da parte di pennivendoli e cronisti asserviti del calibro di Fatucchi del Corriere dei Padroni e di Bufano di Controradio - alias RadioPD - e mai leggeremo la realtà attraverso le loro lenti di ipocrisia e perbenismo. Questi signori si rendono conto che i fascisti non hanno avuto nemmeno il bisogno di scrivere un comunicato ma gli è stato sufficiente condividere i loro articoli? Pensiamo che questi soggetti non si possano permettere di decidere con chi possiamo stare o non stare in piazza e a chi possiamo o non possiamo dare solidarietà, quella che abbiamo sempre espresso nei confronti di tutti coloro che sono colpiti dalla repressione.
La stessa solidarietà che rinnoviamo anche in questa occasione ai tre arrestati del 20 aprile.
L'attacco politico e la campagna mediatica non si è fermata né al 25 Aprile, né a Firenze Antifascista.
Ora anche l'antifascismo e la solidarietà in generale sarebbero da considerarsi reati e guai a parlarne: solo due settimane fa 3000 persone erano in piazza a Firenze in Solidarietà con gli 86 compagni imputati nel processo contro il movimento fiorentino ed il fatto che la notizia sia scappata a questi "attenti cronisti" la dice lunga sul loro ruolo e sul gioco sporco che portano avanti per conto della Questura.
Da parte nostra andremo avanti senza alcun appoggio istituzionale, autofinanziando le nostre iniziative, con l'impegno militante di decine e decine di compagni perché crediamo che questa sia l'unica via che possa darci la possibilità di portare a compimento una Liberazione che oggi pare esser più lontana di quanto non lo fosse nel '44.
Saremo ancora in San Frediano ed in Oltrarno, rioni popolari pieni di vitalità, a festeggiare il 25 aprile, consapevoli del rispetto che questo quartiere merita e del legame che vive con l'Antifascismo.

Firenze Antifascista

k100f Cerca

k100fNewsletter

Se vuoi ricevere un'email settimanale sulle iniziative del Cantiere Sociale, iscriviti alla nostra newsletter. Clicca qui!

k100fPer suonare sul palco del c.s. k100Fuegos

scriveteci a: bands@k100fuegos.org l'indirizzo è di nuovo attivo, indicando: nome del gruppo, città di provenienza, genere suonato, rimborso, eventuale necessità di pernottamento, recapito telefonico.

k100f Comunicati

K100F Solidarietà agli imputati del processo per il 15 Ottobre 2011

K100F Solidarieta' e sostegno alla nostra compagna Gina!

Fi Antifa Il 25 aprile della Firenze Antifascista

Fi Antifa Istituzioni, pd, fascisti e qualcosa che sui giornali non pubblicheranno mai!

Fi Antifa Ieri a Firenze è scesa in piazza la solidarietà: 3000 persone hanno attraversato il centro storico da piazza Santa Maria Novella a Santa Croce.

K100F Dalle montagne del kurdistan al cuore di Roma, solidarietà ad Ararat sotto sgombero!

K100F Contro la repressione: estendere la solidarieta', rilanciare la lotta!

K100F Processo contro il movimento fiorentino - comunicato unitario

K100F Ennesima operazione repressiva ai danni dei No Tav: solidarietà da Campi Bisenzio!

Gruppo casa A Campi è uscito il bando ERP: MA LE CASE POPOLARI CI SONO?

Axpcn Domenica 21 Febbraio 2016 Riprendiamoci il territorio: una giornata che ha "lasciato il segno"!

NO Jobs Act Sabato 6 Febbraio 2016 Sciopero! Presidio h 09:30 davanti ai cancelli Gkn!

K100F Processo contro il movimento fiorentino: i tempi si allungano

Fi Antifa Sabato 16 Gennaio 2016 Manifestazione Antifascista a Coverciano Presidio a Novoli

K100F Un giorno di ordinaria repressione a Firenze: solidarietà alla "spina nel fianco" e ai lavoratori della sanità

K100F Solidarietà agli studenti del Liceo artistico di Porta Romana

k100f Links

Fi Antifa Video corteo solidarietà con gli 86 imputati nel processo contro il movimento fiorentino Video

Lavoro Lotta alla Granarolo

Siria Stop the war - Un interessante contributo dei compagni del Cpa Firenze-Sud sulla situazione siriana

Lavoro Una lezione di dignità e coraggio dagli operai Gkn: si lotta, si vince!

Lavoro La "via della contraddizione" in un cortometraggio Video

ANPI Ciao Enzo. E' scomparso il Partigiano Enzo Puzzoli classe 1920, figlio del Commissario politico "Nandino" della formazione d'Assalto Garibaldi "Lupi Neri".

Lavoro [Campi Bisenzio-FI] Video intervista: GKN in fabbrica si vince! Video

10x100 I diritti fondamentali delle vetrine

Cpa Fi Sud Firma l'appello contro la vendita del Cpa Fi Sud

Terremoto in Emilia Solidarietà dal basso per le popolazioni terremotate

Lavoro 26 luglio 2012 Ginori Occupata! Adesso parlano gli operai Video

Lavoro [Firenze] Lavoratori Poste Italiane in mobilitazione Video

Lavoro Lavoratori del trasporto pubblico Ataf di Firenze [FI] in mobilitazione Video

Lavoro Mai più sfruttati Video

Resistenza Il partigiano Sugo sgombra il campo dai dubbi della storia raccontata dal sindaco Renzi e dai fascisti di Casaggi. Video

Repressione Non è questa la Firenze che vogliamo!

K100F Brigata Lupi Neri

Vittorio Arrigoni Restiamo umani!

Vittorio Arrigoni Intervista inedita

Vittorio Arrigoni Gaza risponde a Roberto Saviano

NoCie Wanted, but not welcome video realizzato da Nagaonlus

Resistenza Gli interventi del Cantiere Sociale durante le commemorazioni a Valibona

Cuba 51 anni di sana e robusta Rivoluzione

Cuba Il nostro omaggio a Camilo Cienfuegos per il 50esimo anniversario dalla sua scomparsa

Cuba I progetti del Cantiere con Cuba

Cuba Riflessioni Fidel

k100f La Resistenza a Campi Bisenzio

Valibona La battaglia di Valibona il 3 Gennaio del 1944

Lanciotto Ballerini Biografia di Lanciotto Ballerini, eroe Antifascista, comandante Partigiano.

Immagine bandiera Cubana

Immagine bandiera Sovietica

Antifa

k100 10 anni di lotta

k100f